La Via di San Colombano

La Via di San Colombano

Info

Da Pavia a Bobbio

(introduzione a cura dell’amico Mario Pampanin)

Bobbio-abbazia_di_san_colombanoLa Via di San Colombano, che fa parte della variante appenninica della Via Francigena, è lo storico percorso che, passando per l’Oltrepò pavese orientale, conduceva nel modo più diretto da Pavia a Bobbio, sede della celebre abbazia fondata nel cuore dell’Appennino, all’inizio del VII secolo, dall’abate irlandese San Colombano.

Sorto in età longobarda, l’itinerario era largamente seguito da monaci, dignitari e pellegrini nelle frequenti comunicazioni tra la capitale del regno, Pavia, e l’importante centro culturale e monastico bobbiese, conosciuto anche come la Montecassino del Nord. In pari tempo la via rappresentava anche la prima parte dell’itinerario medievale che da Pavia, attraverso Bobbio e l’Appennino, raggiungeva Pontremoli assicurando il collegamento tra la Langobardia ed i domini longobardi della Tuscia ed anticipando l’avvento della Via Francigena.

Il percorso è stato di recente riproposto da Giovanni Magistretti con il sostegno di varie associazioni di pellegrini, che lo considerano una naturale integrazione della Via degli Abati (da Bobbio a Pontremoli). Viene così completata la cd Francigena di montagna, che consente al pellegrino, una volta giunto a Pavia, di lasciare la pianura e di proseguire attraverso la suggestiva via dei monti, per poi riprendere a Pontremoli l’itinerario tradizionale verso Roma.

L’itinerario proposto ricalca soltanto in parte quello seguito nel lontano 929 per la temporanea traslazione delle spoglie di San Colombano da Bobbio a Pavia, in base alla scelta di privilegiare le odierne esigenze di sicurezza, brevità e amenità del cammino. La sua lunghezza è di circa 70 km, agevolmente percorribili in tre tappe.

Per maggiori informazioni contattare

Email: viadegliabati@gmail.com

Le Tappe

PAGINA IN COSTRUZIONE

 

VSC – 01 – PAVIA – COLOMBARONE
VSC – 02 – COLOMBARONE – CAMINATA
VSC – 03 – CAMINATA – BOBBIO

 

SCARICA L’ELENCO DELLE ACCOGLIENZE

Nessun commento

Rispondi al commento